Skip links

Cos’è IPFS: la rivoluzione dello storage web decentralizzato?

$1.87

7.87%

InterPlanetary File System, o comunemente noto come IPFS, è un protocollo e una rete peer-to-peer progettati per creare un metodo più efficiente e decentralizzato di archiviazione e accesso alle informazioni sul web.

A differenza del web tradizionale basato sulla localizzazione, IPFS organizza i dati in base al loro contenuto, assegnando loro un’impronta digitale unica chiamata CID (Content ID). Ciò significa che invece di affidarsi a server centralizzati, le informazioni vengono distribuite in una rete di nodi, consentendo un accesso più rapido, una resistenza alla censura e una maggiore efficienza nell’archiviazione e nel recupero dei dati. In breve, l’IPFS rappresenta un’evoluzione verso un web più decentralizzato, dove le informazioni vengono condivise in modo efficiente e resiliente attraverso una rete globale di utenti.

como funciona ipfs

Come è nato l’IPFS?

IPFS, l’InterPlanetary File System, è stato concepito da Juan Benet, imprenditore e informatico, come soluzione per affrontare le limitazioni e le sfide associate al tradizionale modello di archiviazione e distribuzione dei dati basato sul web.

Juan Benet ha fondato Protocol Labs nel 2014 con la visione di costruire protocolli open source per migliorare il modo in cui le informazioni vengono archiviate e condivise nell’era digitale. IPFS è diventato uno dei progetti di punta di Protocol Labs.

La motivazione alla base della creazione di IPFS è stata quella di risolvere i problemi fondamentali dell’architettura web convenzionale. Il web tradizionale si basa molto su un modello server-client, in cui i dati sono centralizzati su server specifici. Questo può portare a problemi come singoli punti di guasto, censura e una notevole dipendenza dall’infrastruttura centralizzata.

Con IPFS, Juan Benet ha proposto un approccio radicalmente diverso: un file system distribuito e decentralizzato basato sulla tecnologia blockchain e sull’idea di contenuti indirizzabili tramite un hash unico (CID). Organizzando le informazioni in questo modo, l’IPFS ha cercato di migliorare l’efficienza, la resistenza alla censura e la velocità di recupero dei dati rispetto ai metodi tradizionali.

Da quando è stato ideato, l’IPFS si è evoluto e ha ottenuto il riconoscimento della comunità tecnologica e della blockchain come una tecnologia promettente per la costruzione di un web più resiliente e decentralizzato. Il suo continuo sviluppo è stato portato avanti con il contributo di sviluppatori di tutto il mondo e il progetto ha influenzato iniziative legate alla decentralizzazione del web e al miglioramento dell’infrastruttura di archiviazione online.

Come funziona l’IPFS?

IPFS (InterPlanetary File System) opera con un approccio decentralizzato e basato sui nodi per archiviare e recuperare le informazioni. Ecco una panoramica di come funziona:

  1. Identificazione del contenuto (CID):
    • Ogni informazione in IPFS è identificata da un hash unico chiamato CID (Content ID). Questo CID deriva dal contenuto stesso, il che significa che due set di dati identici avranno lo stesso CID, fornendo un modo efficiente per accedere e verificare le informazioni.
  2. Distribuzione dei contenuti:
    • Quando un utente aggiunge un file a IPFS, il sistema divide il file in blocchi più piccoli.
    • Ogni blocco è identificato da un CID unico.
    • Questi blocchi vengono distribuiti nella rete IPFS attraverso un processo di routing basato sulla DHT (Distributed Hash Table), che collega i nodi in base ai CID.
  3. Nodi peer:
    • I nodi della rete IPFS possono agire contemporaneamente come client e server. Ogni nodo memorizza alcuni blocchi di dati e può richiedere i blocchi mancanti agli altri nodi.
  4. Recupero dei contenuti:
    • Quando un utente vuole accedere a un file, il CID del file viene utilizzato per individuare i nodi che memorizzano i blocchi corrispondenti.
    • I nodi recuperano i blocchi e li consegnano all’utente, consentendo di ricostruire il file originale.
  5. Cache e persistenza:
    • IPFS implementa un meccanismo di caching in cui i nodi memorizzano temporaneamente nella cache i blocchi a cui accedono, il che migliora l’efficienza riducendo la necessità di recuperare ripetutamente gli stessi blocchi.
    • Inoltre, i nodi possono scegliere di memorizzare in modo persistente blocchi specifici su disco per migliorare la disponibilità a lungo termine.
  6. Decentramento e resilienza:
    • Poiché i dati sono distribuiti su più nodi della rete, IPFS è resistente alla censura e ai guasti dei punti. Non esiste un singolo punto di guasto e la rete può riprendersi anche se alcuni nodi vengono disconnessi.

como funciona ipfs

Casi d’uso di IPFS

  1. Archiviazione e distribuzione decentralizzata dei contenuti:
    • IPFS viene utilizzato per archiviare e distribuire contenuti in modo decentralizzato. I file vengono suddivisi in blocchi e distribuiti sulla rete IPFS, migliorando la resilienza e la disponibilità dei contenuti.
  2. Siti web decentralizzati (DWeb):
    • IPFS è ideale per la creazione di siti web decentralizzati (DWeb) in quanto consente di archiviare e servire i file web in modo distribuito. Questo riduce la dipendenza dai server centralizzati e migliora la resistenza alla censura.
  3. Condividi e collabora ai contenuti:
    • IPFS facilita la collaborazione e la condivisione di file tra gli utenti. Poiché ogni file ha un CID unico, gli utenti possono accedere ai file condivisi senza affidarsi a un server centrale.
  4. Applicazioni decentralizzate (DApps):
    • Le DApp possono utilizzare IPFS per archiviare i dati in modo decentralizzato invece di affidarsi a server centralizzati. Questo contribuisce alla resilienza e all’integrità dei dati nelle applicazioni decentralizzate.
  5. Archiviazione permanente dei dati:
    • IPFS può essere utilizzato per archiviare i dati in modo permanente. I file archiviati sulla rete IPFS sono distribuiti tra i nodi, il che aiuta a preservare l’integrità e l’accessibilità dei dati nel tempo.
  6. Gestione delle versioni dei dati:
    • Poiché ogni modifica a un file genera un nuovo CID, IPFS facilita la gestione delle versioni dei dati. Gli utenti possono accedere e controllare in modo efficiente le versioni precedenti dei file.
  7. Applicazioni in reti disconnesse o con connettività limitata:
    • IPFS è utile in ambienti in cui la connettività a Internet è limitata o intermittente. I nodi IPFS locali possono archiviare e servire i contenuti, consentendo l’accesso anche in condizioni di rete avverse.
  8. Archiviazione dei dati nell’Internet degli oggetti (IoT):
    • IPFS può essere utilizzato per archiviare e distribuire i dati generati dai dispositivi IoT in modo decentralizzato, garantendo maggiore efficienza e resilienza.
  9. File autenticati e non modificabili:
    • Grazie alla natura dei CID unici e alla struttura decentralizzata, IPFS può essere utilizzato per creare file system immutabili e autenticati, dove l’integrità dei file può essere verificata in modo efficiente.

Progetti blockchain con IPFS

  1. Filecoin:
    • Filecoin è un progetto che utilizza IPFS per creare un mercato decentralizzato di cloud storage. Gli utenti possono vendere e acquistare spazio di archiviazione utilizzando la criptovaluta FIL. IPFS funge da sistema di base per l’archiviazione dei dati.
  2. Ethereum Swarm:
    • Ethereum Swarm fa parte dell’ecosistema Ethereum e si concentra sulla fornitura di storage decentralizzato per la blockchain Ethereum. Swarm utilizza IPFS come una delle opzioni di archiviazione per consentire una distribuzione efficiente dei dati.
  3. Arweave:
    • Arweave è una piattaforma blockchain che utilizza IPFS per risolvere il problema della permanenza dei dati sul web. Arweave archivia i dati in modo decentralizzato sulla rete IPFS, garantendo la permanenza a lungo termine delle informazioni.
  4. Decentraland:
    • Decentraland, un progetto di realtà virtuale basato su Ethereum, utilizza IPFS per archiviare contenuti come immagini e file 3D. Questo permette agli utenti di accedere e caricare contenuti direttamente dalla rete IPFS.
  5. Aragona:
    • Aragon, una piattaforma per la creazione e la gestione di organizzazioni decentralizzate (DAO), utilizza IPFS per archiviare documenti e file relativi alle DAO. Questo garantisce la disponibilità e la resilienza delle informazioni associate alle decisioni prese sulla piattaforma.

Vantaggi dell’IPFS nel 2023:

  1. Decentramento:
    • IPFS offre un modello decentralizzato di archiviazione e distribuzione dei contenuti, eliminando la dipendenza da server centralizzati e fornendo maggiore resilienza e ridondanza.
  2. Efficienza della rete:
    • Utilizzando il routing basato su DHT (Distributed Hash Table), IPFS può facilitare la distribuzione efficiente dei contenuti attraverso la rete, riducendo la latenza e migliorando la velocità di accesso ai dati.
  3. Conservazione permanente:
    • La struttura IPFS, con il suo esclusivo sistema CID e la sua decentralizzazione, contribuisce alla permanenza dei dati nel tempo, evitando i problemi legati alla perdita di dati o alle alterazioni non autorizzate.
  4. Resistere alla censura:
    • Grazie alla sua natura distribuita, IPFS è resistente alla censura, poiché non esiste un unico punto di controllo. Questo può essere vantaggioso in ambienti in cui la censura è un problema.
  5. Integrazione con Blockchain:
    • IPFS si integra bene con molte blockchain e progetti come Filecoin utilizzano IPFS per gestire l’archiviazione decentralizzata dei dati.

Svantaggi dell’IPFS nel 2023:

  1. Adozione completa:
    • Sebbene abbia guadagnato terreno, IPFS non è ancora stato adottato in modo massiccio in tutti gli angoli del web. L’adozione completa potrebbe richiedere del tempo a causa della necessità di modificare l’infrastruttura esistente.
  2. Complessità di utilizzo:
    • Per gli utenti non tecnici, IPFS può sembrare complesso rispetto alle soluzioni di archiviazione tradizionali. L’adozione di massa potrebbe dipendere da interfacce utente più amichevoli.
  3. Consumo di risorse:
    • L’esecuzione di un nodo IPFS può consumare molte risorse, soprattutto in termini di spazio di archiviazione e larghezza di banda. Questo potrebbe essere un ostacolo per i dispositivi con risorse limitate.
  4. Sicurezza:
    • Anche se IPFS offre resistenza alla censura, la sicurezza dei dati può dipendere dall’implementazione e dalla configurazione specifica del nodo. La mancanza di comprensione o la configurazione errata possono comportare rischi per la sicurezza.
  5. Sfide di scalabilità:
    • Con la crescita di IPFS, possono sorgere problemi di scalabilità in termini di gestione della rete e delle risorse necessarie per mantenere l’efficienza.

Navigare verso un futuro decentralizzato con IPFS

In un mondo digitale sempre più interconnesso, la necessità di sistemi di stoccaggio e distribuzione efficienti, sicuri e decentralizzati diventa fondamentale. In questo contesto, IPFS emerge come una tecnologia rivoluzionaria che non solo promette di cambiare il modo in cui condividiamo e accediamo alle informazioni sul web, ma sfida anche i paradigmi tradizionali dell’archiviazione centralizzata.

IPFS ha dimostrato di essere una soluzione potente per la decentralizzazione dello storage, offrendo vantaggi chiave come la resistenza alla censura, l’efficienza nella distribuzione dei contenuti e un’architettura unica basata su CID. Progetti innovativi, dai mercati decentralizzati ai sistemi di archiviazione cloud, stanno abbracciando l’IPFS per sfruttare le sue capacità uniche e costruire un ecosistema più resiliente.

Tuttavia, la strada verso l’adozione di massa non è priva di sfide. La complessità percepita da alcuni utenti e le risorse necessarie per gestire i nodi IPFS sono fattori che devono essere affrontati affinché IPFS raggiunga il suo pieno potenziale. L’educazione e la creazione di interfacce più semplici da usare potrebbero aprire la strada a un’adozione più diffusa.

Nel 2023, l’IPFS non è solo una tecnologia promettente, ma una componente chiave nell’evoluzione verso un Internet più decentralizzato e resiliente. La sua capacità di trasformare il modo in cui immagazziniamo e condividiamo i dati è innegabile e, man mano che un numero sempre maggiore di progetti la integra nei propri sistemi, è plausibile aspettarsi un futuro in cui la decentralizzazione sia la norma piuttosto che l’eccezione.

L’investimento in cripto-asset non è regolamentato, potrebbe non essere adatto agli investitori al dettaglio e l’intero importo investito potrebbe andare perso. È importante leggere e comprendere i rischi di questo investimento, che sono spiegati in dettaglio.

Contáctanos
Contáctanos
Hola 👋 ¿En qué podemos ayudarte?