Skip links

Quali sono le differenze tra un token e una criptovaluta?

$1.87

7.87%

La tecnologia Blockchain ha rivoluzionato il modo in cui il valore viene trasmesso nel regno digitale. Due decenni fa, l’idea di effettuare pagamenti istantanei o trasferimenti di fondi in qualsiasi parte del mondo con costi minimi era impensabile. Al centro di questa trasformazione ci sono le criptovalute, con il Bitcoin (BTC) in prima linea. Tuttavia, al di là delle applicazioni finanziarie dirette, esiste una serie di beni digitali noti come “token”. Questi non sono progettati principalmente come mezzo di pagamento, ma servono a registrare e trasmettere valore all’interno dell’ecosistema blockchain.

Il contesto della tecnologia Blockchain

Prima di addentrarci nella complessità dei token, è essenziale comprendere il contesto più ampio della blockchain. In sostanza, la blockchain è un registro digitale immutabile e decentralizzato che registra le transazioni in modo sicuro e trasparente. Funziona come un libro mastro digitale distribuito, accessibile a tutti i partecipanti alla rete. Ogni blocco di informazioni è collegato al precedente per mezzo di complessi algoritmi crittografici, formando una catena inalterabile di blocchi, da cui il nome“blockchain“.

La blockchain non è più solo la tecnologia alla base delle criptovalute, ma è diventata un mezzo per trasformare interi settori. Dalla gestione della catena di approvvigionamento al voto elettronico, la blockchain offre un registro incorruttibile e trasparente che ridefinisce la fiducia nel mondo digitale.

Differenze tra token e criptovalute

La nascita dei token

In questo contesto, nasce la nozione di“gettoni“. Questi oggetti digitali rappresentano beni o utilità specifiche e operano all’interno di blockchain. La nascita dei token ha esteso le funzionalità della blockchain oltre il semplice trasferimento di valore sotto forma di criptovalute. Questi token possono rappresentare qualsiasi cosa, dai beni fisici (RWA: real asset tokenisation ) ai diritti di accesso, e vengono emessi tramite smart contract, programmi informatici autonomi che eseguono automaticamente gli accordi quando vengono soddisfatte determinate condizioni.


Che cos’è un token?

Un token nel contesto della blockchain è un’unità di valore digitale emessa da una piattaforma attraverso un processo noto come tokenizzazione. A differenza delle criptovalute tradizionali, come Bitcoin ed Ethereum, che agiscono come valute digitali, i token rappresentano beni o utilità specifiche su una particolare rete blockchain. Questi possono rappresentare qualsiasi cosa, dai beni fisici ai diritti di accesso o di partecipazione a una piattaforma specifica.

I gettoni vengono creati attraverso i contratti intelligenti, che sono programmi informatici che eseguono automaticamente gli accordi quando vengono soddisfatte determinate condizioni. Questo processo di tokenizzazione ha permesso la creazione di un’ampia varietà di token, ognuno con uno scopo e una funzione unica nell’ecosistema blockchain.


Differenze tra token e criptovalute

Sebbene i termini“criptovaluta” e“token” siano spesso utilizzati in modo intercambiabile, ci sono differenze fondamentali che è importante comprendere. Le criptovalute, come Bitcoin e Litecoin, sono valute digitali native di una blockchain. La funzione principale delle criptovalute è quella di fungere da mezzo di scambio, consentendo agli utenti di acquistare, vendere e effettuare transazioni. Inoltre, agiscono come riserva di valore, in modo simile a come vengono percepiti l’oro e le altre valute fiat. Operano in una rete decentralizzata, garantendo un alto livello di sicurezza e resistenza alla censura o alle interferenze esterne.

A differenza delle criptovalute, i token possono rappresentare un’ampia gamma di beni o diritti che vanno oltre il semplice valore monetario. Si va dalle rappresentazioni digitali di beni fisici (come immobili o opere d’arte) ai diritti di accesso a servizi o funzioni all’interno di una specifica piattaforma. I token sono generalmente creati e gestiti su blockchain esistenti, come Ethereum, utilizzando standard di tokenizzazione come ERC-20 per i token fungibili o ERC-721 per i token non fungibili(NFT). Questo permette agli sviluppatori di emettere nuovi tipi di beni digitali senza la necessità di creare una nuova blockchain da zero.

Spiegazione delle differenze tra token e criptovalute


Classificazione dei gettoni

I gettoni possono essere classificati in diverse categorie in base alla loro funzione e alle loro caratteristiche. Le due categorie principali sono i token di utilità e i token di sicurezza.

Gettoni di utilità (Gettoni di utilità)

I token di utilità sono progettati specificamente per essere utilizzati all’interno di una piattaforma blockchain, fornendo l’accesso a servizi o funzioni offerti da tale piattaforma. Questi token sono una parte fondamentale di molte applicazioni decentralizzate(dApp) e degli ecosistemi blockchain, in quanto facilitano le transazioni interne e attivano funzioni speciali. Ad esempio, un token di utilità può consentire agli utenti di acquistare servizi di cloud storage, di giocare su piattaforme di videogiochi decentralizzati o di partecipare a sistemi di governance del progetto, dove possono votare su decisioni importanti riguardanti lo sviluppo futuro del progetto. A differenza delle valute tradizionali o delle criptovalute come il Bitcoin, che si concentrano su un mezzo di pagamento, i token di utilità si concentrano sulla funzionalità all’interno del loro ecosistema nativo.

Ad esempio, UNI è il token nativo di Uniswap, un exchange decentralizzato che opera sulla blockchain di Ethereum. Fornisce ai titolari di token diritti di governance, consentendo loro di votare sulle decisioni chiave relative allo sviluppo futuro del protocollo. Uniswap è un attore chiave nell’ecosistema della finanza decentralizzata (DeFi). LINK è il token di Chainlink utilizzato per pagare i servizi della rete, come le richieste di dati, ed è anche utilizzato per incentivare i fornitori di dati a fornire dati accurati e tempestivi.

Vantaggi dei gettoni di utilità

Accesso ai servizi: I token di utilità forniscono ai loro possessori l’accesso a servizi o funzioni all’interno di una piattaforma blockchain. Questo può includere l’uso di applicazioni decentralizzate(dApp), servizi di archiviazione su cloud o la partecipazione a eventi speciali.

Incoraggiare la partecipazione della comunità: richiedendo token per determinate azioni all’interno della piattaforma, si incoraggia la partecipazione attiva della comunità. Questo può aiutare a costruire un ecosistema più solido e impegnato intorno a un progetto.

Modello di finanziamento per le startup: la vendita di token di utilità in un’offerta iniziale di monete(ICO) o attraverso altri meccanismi di finanziamento offre alle startup un modo per raccogliere fondi senza diluire la proprietà con l’emissione di azioni.

Economia circolare: i token di utilità possono essere progettati per promuovere un’economia circolare all’interno della piattaforma, dove il valore generato va a beneficio sia degli utenti che degli sviluppatori dei progetti.

Trasparenza e sicurezza: poiché i token di utilità operano sulla blockchain, tutte le transazioni sono trasparenti e sicure. Questo riduce al minimo il rischio di frode e migliora la fiducia nell’ecosistema.

Svantaggi dei gettoni di utilità

❌Volatilitàdel valore: possono subire un’elevata volatilità del valore. Questo può influire sulla stabilità dei servizi o delle risorse che si possono acquisire con essi e scoraggiare gli utenti e gli investitori.

Regolamentazione ambigua: la mancanza di chiarezza normativa in molti paesi in merito ai token di utilità e alle ICO può comportare rischi legali per i progetti e i loro investitori, comprese possibili sanzioni nel caso in cui vengano considerati titoli senza le dovute autorizzazioni.

Complicazioni di usabilità: per gli utenti che non hanno familiarità con la tecnologia blockchain e le criptovalute, il processo di acquisizione e utilizzo dei token di utilità può essere complicato e scoraggiante.

Gettoni di sicurezza

I token di sicurezza differiscono dai token di utilità in quanto rappresentano un investimento in attività, aziende o progetti reali e sono soggetti alle leggi e ai regolamenti finanziari esistenti. Acquistando un token di sicurezza, l’investitore acquisisce una partecipazione nell’attività sottostante, che può andare da un immobile a una quota degli utili di un’azienda. Questi token promettono una quota dei futuri ricavi generati dal progetto o dall’asset, funzionando in modo simile alle tradizionali azioni del mercato azionario, ma operando sull’infrastruttura blockchain per una maggiore trasparenza, sicurezza ed efficienza nel trasferimento della proprietà. La regolamentazione di questi token è fondamentale per garantire la protezione degli investitori e l’integrità del mercato, allineandosi alle normative finanziarie internazionali per prevenire le frodi e garantire la trasparenza.

Vantaggi dei token di sicurezza

Aumento della liquidità: i token di sicurezza facilitano la tokenizzazione di beni tradizionalmente illiquidi, come gli immobili o le opere d’arte, consentendo di frazionarli e venderli a una gamma più ampia di investitori. Questo può aumentare in modo significativo la liquidità del mercato per tali attività.

Accesso globale agli investitori: operando sulla tecnologia blockchain, i token di sicurezza possono essere acquistati e venduti da investitori di tutto il mondo, ampliando l’accesso al capitale per le imprese e offrendo agli investitori una gamma più ampia di opportunità.

Automazione della conformità normativa: i contratti intelligenti consentono di programmare i token di sicurezza in modo che siano conformi alle normative finanziarie e alle restrizioni di trading, semplificando e automatizzando l’adesione alle leggi vigenti.

Svantaggi dei token di sicurezza

Regolamentazione e accettazione legale: nonostante i progressi, permane l’incertezza legale e normativa sui token di sicurezza in varie giurisdizioni. Questo potrebbe limitarne l’adozione e porre dei problemi per un’implementazione su larga scala.

Complessità tecnologica: l’emissione e la gestione dei token di sicurezza richiede la conoscenza della tecnologia blockchain e dei contratti intelligenti, il che può rappresentare un ostacolo per le aziende e gli investitori meno sofisticati dal punto di vista tecnologico.

Al di là di queste due categorie principali, l’universo dei token blockchain continua ad espandersi e ad innovarsi. Esistono anche token non fungibili (NFT)che rappresentano la proprietà o la prova di autenticità di un bene digitale o fisico unico; gettoni di governanceche danno ai titolari il diritto di partecipare al processo decisionale di una piattaforma; e gettoni di ricompensache incentivano gli utenti a compiere determinate azioni all’interno di un ecosistema. Questa classificazione in evoluzione riflette la natura dinamica del settore blockchain e sottolinea la crescente complessità e sofisticazione degli asset digitali.

L’investimento in cripto-asset non è regolamentato, potrebbe non essere adatto agli investitori al dettaglio e l’intero importo investito potrebbe andare perso. È importante leggere e comprendere i rischi di questo investimento, che sono spiegati in dettaglio.

Contáctanos
Contáctanos
Hola 👋 ¿En qué podemos ayudarte?